• Tempo di lettura:2 mins read

Sasso Marconi 24 febbraio 2021 – Abbiamo approfondito la documentazione riguardante le analisi ambientali, delle acque e del  sottosuolo eseguite nell’area  dell’ex-Metalplast. Questa  documentazione non era mai stata resa pubblica negli anni trascorsi dalla sua redazione e solo a seguito di richiesta specifica di Dimmi – Lista Civica per Sasso Marconi è uscita dagli archivi comunali e ne siamo venuti in possesso. 

Dalla lettura della documentazione si evidenzia che è elencata la presenza di numerosi elementi inquinanti come: clorometano, cloruro di vinile, tetracloroetilene, tricloropropano, arsenico, cobalto e decine di altre sostanze.

Nel rapporto vengono indicate quantità che, pur non superando i limiti imposti dalla legge, inquietano per la loro presenza essendo comunque inquinanti potenzialmente nocivi per la salute umana. A titolo comparativo si rileva che anche  gli inquinanti emessi dagli scarichi delle autovetture possono rispettare i valori consentiti dalla legge, ma ciò non impedisce che siamo notoriamente nocivi per il benessere sanitario delle persone.

Nella documentazione risulta la presenza di amianto ma nessun approfondimento risulta essere stato effettuato per determinarne lo stato di conservazione. 

In un’area pubblica posta al centro dell’abitato del capoluogo, già compromessa dalla acclarata presenza di amianto, sulla quale si voleva realizzare un edificio scolastico e dove ora si realizzerà un parcheggio pubblico, questi elementi inquinanti, unitamente al notevole aumento di scarichi (Monossido di carbonio e polveri  sottili) derivanti dal consistente  aumento del traffico veicolare  causato dalla chiusura del ponte Da Vinci,  potrebbero seriamente costituire un mix nocivo per la salute,  motivo  di grande preoccupazione per tutta la cittadinanza. 

Chiediamo al Sindaco, che oltre a essere il responsabile legale dell’amministrazione comunale è per legge anche il tutore della salute pubblica dei cittadini, se la presenza di questi elementi inquinanti presenti  nel sottosuolo della ex-Metalplast, insieme a quella dell’amianto nell’edificio  e all’aumento degli scarichi derivanti dal traffico, siano ininfluenti per quanto riguarda la salute dei cittadini.

Riteniamo indispensabile che il Sindaco e L’Amministrazione Comunale da lui presieduta si attivino immediatamente per bonificare l’area ed il fabbricato ex-Metalplast dall’amianto e da  tutti le sostanze inquinanti presenti, con un intervento complessivo e risolutivo al fine di tranquillizzare i residenti di Sasso Marconi e di rendere più sicura la loro vita quotidiana, già messa a dura prova dal traffico caotico e inquinante derivante dalla chiusura del ponte Da Vinci che si protrarrà per parecchio tempo.