You are currently viewing PRIMO ANNIVERSARIO della CHIUSURA del PONTE
  • Tempo di lettura:3 mins read

22 dicembre 2020 – 22 dicembre 2021: ancora nessun lavoro…

Tra pochissimi giorni sarà il 22 dicembre, PRIMO ANNIVERSARIO della chiusura (parziale poi totale) del Ponte Leonardo Da Vinci. 365 giorni sono trascorsi senza che la Città Metropolitana, affiancata dal sostanziale immobilismo del Comune e della Regione, abbia eseguito alcun lavoro per dare un minimo di speranza ai cittadini. 

Il Sindaco aveva assicurato che avrebbe vigilato affinché le istituzioni pubbliche non avessero fatto trascorrere il tempo inutilmente. Tutte fuorché la Città Metropolitana che continua nella sua silente inattività senza che il Sindaco muova un dito affinché gli venga reso conto dei ritardi che continuano ad accumularsi. Il primo cittadino aveva assicurato, tempo fa, che il progetto fosse ORMAI pronto, ma poi nulla si è saputo e nessun lavoro è iniziato e NESSUNO della maggioranza che governa il Comune si è preso la responsabilità di chiedere conto di questa condizione di immobilismo sia alla Città Metropolitana che alla Regione.  

Come DIMMI – Lista Civica per Sasso Marconi chiediamo che il Comune alzi la voce e riesca finalmente a farsi ascoltare da chi di dovere affinché l’attuale inerzia venga sostituita da tutte le attività necessarie per arrivare ad un rapido inizio dei lavori per rendere nuovamente agibile il ponte.

L’Amministrazione comunale aveva assicurato che non si sarebbero ripetute le lungaggini che hanno caratterizzato il sostanziale stallo che ha riguardato la vicina frana di Gardeletta. Purtroppo per ora la situazione è la stessa. Avevamo chiesto che (almeno come segnale di pressione amministrativa) fosse avviata una causa civile contro la Città Metropolitana per il danno creato a tutti i cittadini di Sasso (e non solo), ma il Sindaco e la sua giunta di Centrosinistra a maggioranza PD non ha voluto disturbare i propri referenti politici Metropolitani e Regionali. 

Da tempo il Ministro ha nominato un Commissario (l’Ing. Eutimio Mucilli) che però, preso forse dagli altri QUINDICI commissariamenti affidatogli, qua non si è mai visto nè sentito.

Il Sindaco lo ha chiamato? Gli ha parlato? Ha avuto rassicurazioni?

Intanto un anno è passato inutilmente e i cittadini per dodici mesi (e non si sa ancora per quanti altri) hanno subito disagi, inquinamento, rumore e ritardi senza vedere da parte delle Amministrazioni Pubbliche gesti concreti che possano fare sperare in una soluzione di quei problemi che le stesse Amministrazioni Pubbliche hanno creato.

Sono trascorsi tre mesi dalla diretta Facebook che il Sindaco fece il 22 settembre dove aveva sostenuto che il progetto era ORMAI pronto e che i ritardi della Città Metropolitana erano ininfluenti. Da allora si sarà occupato di altre cose?  Il ripristino del ponte dovrebbe essere la PRIORITÀ per il primo cittadino come certamente lo è per tutti i Sassesi (e non solo) e se ne dovrebbe occupare tutti i giorni.