Consiglio comunale finisce con una denuncia nei confronti di un consigliere di maggioranza
Al momento stai visualizzando Consiglio comunale finisce con una denuncia nei confronti di un consigliere di maggioranza
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura

Sasso Marconi, 24 aprile 2024 – Ieri, durante il Consiglio comunale è successo un fatto che ci ha amareggiato, il nostro consigliere Achille Chillari ha ricevuto un pugno in pieno volto da un consigliere appartenente alla Maggioranza.

Lo ha seguito fino a raggiungerlo e lo ha colpito causando lesioni considerate guaribili in 10 giorni.


Achille Chillari

Tutto questo perché in queste ultime settimane Achille si è impegnato, in prima persona, in una raccolta firme, dove ha raggiunto numeri molto importanti con oltre 700 sottoscrizioni per evitare il passaggio della ciclopedonale davanti le attività commerciali ai Borghetti, una battaglia civica, come sempre in ascolto della cittadinanza, per cercare di difendere il piccolo commercio locale che è un servizio per la comunità intera.

Questo atto non riguarda soltanto il nostro consigliere, ma riguarda tutti noi come comunità senza distinzioni ideologiche o di colore politico, è qualcosa che ferisce anche la parte politica alla quale appartiene l’aggressore.

Tutti noi cerchiamo, con impegno personale di risorse e tempo, di migliorare la comunità in cui viviamo; la violenza e l’identificare la parte opposta come “il nemico” non ci appartiene e non deve avere cittadinanza nella gestione di un territorio.

È stato scelto di segnalare all’Autorità giudiziaria quanto accaduto e di condividere quanto successo perché non è un fatto che parla soltanto di una persona, ma di un modo di vedere la politica come una guerra che vede contrapposti ipotetici “buoni e cattivi”, dove i cattivi sono sempre “gli altri” in una visione miope e senza una coscienza autocritica.


Resteremo comunque al servizio della comunità, questi fatti non cambiano la nostra visione e il nostro impegno di tutti i giorni sul territorio, tra le persone, senza “piedistalli politici”.